ennlfrdeitjaptruestr

Comunicazioni

Commemorazioni

Commemorazioni 2017

Mostre fotografiche

Letteratura Aeronautica

Errore

There was a problem loading image moreno17.JPG

There was a problem loading image DSCF2501.JPG

There was a problem loading image cameri_28.03.2017_2.jpg

Profilo del Cap. Pil. Gustavo Moreno


cap pil Gustavo Moreno

Il 19 marzo 1913 era una bella giornata di sole senza vento, una giornata come tante alle quali siamo abituati nel mese di marzo. L’atmosfera era tranquilla, favorevole al volo: alle sette e un quarto, come ogni mattina, dalla caserma un gruppo di ufficiali e allievi piloti si recò agli hangars per procedere ai voli di addestramento sotto la direzione del Tenente Calori. Il primo a levarsi in volo, per “assaggiare l’aria”, fu il Capitano Biego, a bordo del suo Caproni. Tornò da Turbigo annunciando che non intendeva proseguire nei voli perché c’era “fiacca”.

Il capitano Moreno fece preparare il suo Nieuport 50 HP: voleva esercitarsi nei ‘planés circolari’, scopo della sua presenza a Somma Lombardo; l’apparecchio fu ‘minuziosamente controllato’, e poco dopo le otto avvenne il decollo (l’orologio del Capitano fu ritrovato f ermo infatti alle nove meno tre minuti).

L’aviatore fece due giri intorno al campo salendo a circa quattrocento metri d’altezza e si dispose per scendere “a planés”: la Cronaca Prealpina riferisce con precisione che “iniziava infatti il planés un centinaio di metri prima della strada che attraversa il ciglione e ad una altezza di trecento metri spegneva il motore dell’aeroplano” - per diminuire sensibilmente la velocità e perscendere con un volo plané a spirale, esercizio a cui si stava allenando poiché er a richiesto per il brevetto militare che intendeva conseguire - “fu colpito da un ‘remours’ che fece traballare l’apparecchio... gli ufficiali si accorsero che l’aviatore non ristabiliva l’equilibrio e lo videro scivolare sull’ala sinistra e precipitarsi a picco” ... Al suolo un mucchio di rottami... le ali, il motore sfasciati... La ricerca della causa della tragedia che si era consumata in una manciata di secondi sotto gli occhi dei colleghi ufficiali portava ad escludere il guasto meccanico: fu verificatoche “i comandi erano intatti”. Senz’altro il Capitano era esperto ma doveva aver perduto la padronanza del monoplano quando aveva iniziato a traballare e ad inclinarsi sull’ala sinistra. Per alcuni non era una giornata adatta al volo: l’aria troppo “rarefatta”, non “sosteneva” unapparecchio.

La Cronaca Prealpina del 19 marzo 1913 diede gran risalto allo “spaventoso incidente” accaduto a Somma Lombardo: un cronista accorse subito nell’ampia brughiera che si stendeva intorno alla Cascina della Malpensa: e nelle edizioni del pomeriggio anche La Stampa e Il Corriere della Sera riportavano la notizia che “aveva destato molta impressione”.

Unanime il cordoglio a Gallarate, a Torino, Novara, Oneglia, Mondovì, Foligno, a Milano dove Moreno era conosciuto e apprezzato; al le esequie solenni parteciparono autorità militari e civili e tutto lo staff della Scuola di Aviazione della Malpensa. Scrissero che era caduto in volo un eroe della Patria.

Gustavo Moreno era un pioniere dell’Aviazione Militare d’Italia. Nacque nel 1870 aTorino, ove si iscrisse all’Accademia militare nel 1888 e successivamente alla Scuola di artiglieria di Genova; dal 1900 faceva parte del 1° Reggimento Artiglieria da montagna. Sviluppò la sua passione per ilvolo a Torino dove nel 1909 fu fondata la SAT, Società Aviazione Torino che divenne poi SAI, Società Aviatori - Aeronauti Italiani; ma l’aviazione non era ancora presente come Arma.

Nel1911 divenuto capitano del Genio fu comandato a Somma Lombardo per frequentare il Corso dei piloti aviatori; si iscrisse alla Scuola Caproni di Vizzola Ticino dove conseguì il brevetto di aviatore nel gennaio del 1912 e ciò gli permise di essere trasferito al Battaglione Specialisti di Torino, ove si stava formando il primo consistente gruppo di piloti dell’Esercito.

Per conseguire il brevetto di pilota militare tornò a Somma Lombardo dove aveva iniziato la sua carriera, volando su un Blériot e divenne comandante della Scuola Militare di Malpensa. Era davvero “un eroe dell’aria”, un pioniere dell’aviazione ardimentoso ma prudente, consapevole dei rischi che correva volando sui primi fragili monoplani in dotazione all’Esercito italiano.

E proprio la sezione AAA di Gallarate riporta nel labaro la dedicazione al Capitano Aviatore Gustavo Moreno.

Le cronache del14 marzo 1914 riportano che fu inaugurato a Somma Lombardo un monumento funebre a lui dedicato; l’opera dello scultore torinese Bottinelli è un blocco di granito grigio sormontato da un’aquila ad ali spiegate: alla base, seduto sul suo monoplano al posto di manovra, ilCapitano, “anima generosa, ardito aviatore caduto olocausto alla Patria”.

StampaEmail

Newsletter

Mostre statiche

         Collaborazioni         

 

      acao      clipper Gruppo Alpini Varese  IsisHeadBlu970px    anmi gallarate

Telefono:                                         

+393341042549 - +393487819395

e-mail: gallarate@arma-aeronautica.org  

|

       Indirizzo:                                         

       Via Marco Polo, 8

       21013 Gallarate (VA)

       C.F.: 91015830127

|

         

            Riservatezza